02-05-2018
Espando

B2B

LE NOVITA' NORMATIVE

LEGGE DI BILANCIO (27 dicembre 2017, n. 205 - art. 909 - B2B):

• Dal 01/07/2018: avvio anticipato per gli operatori del settore dei subappalti con la P.A. e della filiera dei «gestori» carburanti per motori (eliminazione della scheda carburante - obbligo di pagamento con strumenti tracciabili ai fini della deduzione costi e/o detraibilità IVA).

• Dal 01/01/2019: obbligo di fatturazione elettronica per tutti gli operatori (regimi di vantaggio e forfetari, esonerati da tale applicazione). 

 

B2B - PRIMA scadenza : 01/07/2018

Appalti PA e la filiera delle imprese collegate:

LINEE GUIDA SULLA TRACCIABILITA’ DEI FLUSSI FINANZIARI ART. 3 DELLA LEGGE 13 AGOSTO 2010, N. 136.

Saranno obbligati alla Fattura Elettronica tutti i soggetti subappaltatori e subcontraenti che intervengono "in modo diretto" nel ciclo di realizzazione dell'opera: noli, forniture di beni e prestazioni di servizi, ivi compresi quelli di natura intellettuale/consulenze, qualunque sia l'importo dei relativi contratti o dei subcontratti.

 

 

LEGGE DI BILANCIO (27 dicembre 2017, n. 205 - art. 909 – B2B):

• Le fatture elettroniche transiteranno dal Sistema di Interscambio (SDI) che ha il compito di «postalizzarle» e notificare i vari feedback (controllo, invio, ricezione, scarto, accettazione, ecc) - Prevista una soluzione web per la generazione della fattura xml e un'app per la generazione del proprio QR code.

• Il file XML generato dai gestionali (standard o «arricchito») dovrà essere preventivamente firmato digitalmente e deve contenere la tipologia di ricezione scelta dal committente (PEC o Intermediario accreditato «Codice destinatario»).

Gli obblighi di conservazione previsti dall’art. 3 DMEF 17/6/2014, GU 146 del 26/6/2014, si intendono assolti (Dlgs 127/2015), si attendono conferme se sarà valida anche ai fini "civilistici" (Art. 2220).

• Per gli «attori» (cedente e committente) è necessario censirsi per notificare ai terzi il canale di ricezione del proprio ciclo passivo.

PEC o «CODICE DESTINATARIO»:

La norma prevede la possibilità, per gli operatori economici soggetti ad obbligo di fatturazione elettronica, di avvalersi di «intermediari accreditati» (partner tecnologici) per la trasmissione/ricezione delle fatture elettroniche al Sistema di Interscambio (es: Software House, CAF, Centri servizi, CED di aziende di grandi dimensioni, ecc).

Gli «intermediari accreditati»:

• Ricevono dall’A.E. (Sogei) un identificativo personale «codice destinatario» (7 alphanumerico,) a cui è abbinato il relativo URL http://. Questo verrà condiviso con tutti coloro che intendono avvalersi, per il ciclo passivo, dei servizi d’intermediazione: aziende e professionisti (per i propri documenti e/o c/terzi);

• Tramite i loro servizi (Gateway - HUB) ed interagendo con SDI, potranno gestire tutti i flussi relativi alla fatturazione elettronica: Ciclo attivo (firma digitale, controlli, invio al SDI), Ricezione del ciclo passivo, gestione notifiche, arricchendo l’offerta con servizi aggiuntivi: conservazione ai fini civilistici, consultazione e condivisione dati tramite piattaforma web integrata nei gestionali (es: aziende <-> commercialista), pagamenti, gestione documentale/fascicolazione ricevute ecc.

PEC o «CODICE DESTINATARIO»:

Ogni operatore economico (titolare di PI) deve scegliere il canale con cui ricevere/gestire il proprio ciclo passivo (PEC o Codice Destinatario del proprio partner tecnologico). La scelta dovrà essere notificata accedendo all'apposita area riservata messa a disposizione dall'A.E. (censimento).

Il "cedente" può indicare nel file XML il canale di ricezione scelto dal "committente" ma, il SDI darà maggior valenza alla scelta effettuata all'atto del suddetto censimento (aggiornamento anagrafiche, QR code).

 

 

FLUSSI OPERATIVI

• Struttura file xml (standard o «arricchito»)

• Attività svolte dal Sistema di interscambio «SDI»

• Invio tramite PEC

• Invio tramite Intermediario accreditato 

 

B2B - Struttura file XML standard o «arricchito» 

La gestione XML della fattura elettronica B2B nasce dall’esperienza della fattura PA.

Ciò nonostante, al fine d’integrare la fatturazione elettronica nei processi di «digitalizzazione», poter acquisire in modo automatico i dati ed ottenere tutti i vantaggi offerti dalla loro elaborazione (ciclo passivo), era necessario «arricchire» il file XML (standard europeo) di maggiori informazioni.

Tramite la codifica «Standard AssoSoftware», tutte le software house potranno gestire dei «tag xml» aggiuntivi che fanno riferimento a «tabelle condivise» che garantiranno la perfetta integrazione dei dati all’interno dei vari sistemi gestionali. (Codici iva, sconti/omaggi, premi, promozioni, lotti e commesse, matricole, unità di misura, tipo pagamento/scadenze, ecc.)

 

codici IVA

Es. Gestione codici IVA: Nel xml standard, tutte le operazioni con % IVA=0 (esenti, non imponibili, non sogg., ecc...), sono classificate, genericamente, con dei codici N1-N2-N3 .. indicando i reali riferimenti normativi "solo descrizione" in un apposito tag . La struttura nativa obbligherebbe chi riceve la fattura elettronica ad operare come di consueto, e quindi a selezionare "manualmente" il codice IVA corrispondente nel proprio gestionale.

Soluzione: file xml «arricchito» (AssoSoftware)

….

              AswCodIVA

Non imp. art.8 c.1 lett.a (triangolazione) #N030102#

….

Le software house, abbinando il #codice univoco# al codice iva del proprio gestionale, potranno automatizzare i processi di registrazione iva/contabili.

 

B2B - Invio e ricezione tramite PEC

 

pec

 

L’azienda che emette un documento o il professionista (per se stesso e/o conto terzi) dovrà: 

produrre il file XML dal proprio gestionale (gestendo manualmente il copia/incolla su apposite cartelle);

apporre la firma digitale sul file XML (xml ->.p7m);

accedere al proprio gestore PEC ed inviare il file XML firmato ad un’apposita PEC del Sistema di Interscambio (*) che, dopo le opportune verifiche, provvederà a «postalizzare» la fattura elettronica;

• monitorare costantemente la propria PEC per:

  1. verificare i numerosi feedback SDI generati dal ciclo attivo (scarti, ricevute consegne, decorrenza, ecc.); 
  2. gestire l’intero flusso dati/notifiche del ciclo passivo (es: estrapolare le informazioni presenti nel file XML dal PDF (se presente) o tramite l’apposito «visualizzatore», per poi procedere «manualmente» all’aggiornamento della contabilità/iva; 

• conservare le fatture emesse

L’invio e la ricezione delle fatture elettroniche tramite PEC è fortemente sconsigliato sia in presenza di un elevato numero di documenti che, in ogni caso, per il rischio di perdita dati e per il rallentamento dei processi aziendali «non proiettati verso una vera trasformazione digitale».

I principali fattori di rischio sono:

• casella di posta piena (nei file XML è contenuto il PDF della fattura e/o altre «pezze d’appoggio»)

• casella di posta «scaduta»

• filtri AntiSpam e cancellazioni accidentali

• impossibilità di gestire, con immediatezza, gli esiti di spedizione

• difficoltà nella gestione degli iter autorizzativi interni

• assenza di sincronizzazione/allert con i gestionali 

b2b

B2B - La soluzione Bluenext 

Adottando la soluzione Bluenext, l’azienda o il professionista (per se stesso e/o conto terzi per i suoi clienti), potrà usufruire di svariati servizi:

• Invio del file XML: da Fattura online, StudiOK, Accresco Impresa, Italworking, Gs4/Fm4 è previsto: sia l’invio contestuale che differito (anche in modo massivo);

• Firma digitale: verrà da noi automaticamente applicata (ciclo attivo);

• Gestione integrata del ciclo passivo (tramite l’utilizzo del ns. «codice destinatario»);

• Import file XML esterni (non prodotti da gestionali Bluenext);

• Gestione visuale dell’intero flusso (attivo e passivo con il dettaglio delle notifiche SDI): l’accesso alle informazioni è integrato nei nostri applicativi oppure gestibile tramite web (monitoraggio facilitato – gestione «allert» - condivisione dei dati: commercialista <-> azienda);

• Registrazione automatica dei documenti in prima nota (ciclo attivo e/o passivo);

• Conservazione e altri servizi.

Lo Studio avrà il Completo Controllo delle Aziende attraverso un unico cruscotto aggiornato in tempo reale.

 

 

b2b

20-03-2018
Fattura Online
03-05-2018
Fatturazione Elettronica: i primi step per prepararsi al meglio
Realizzato da w-easy